Cerca
Close this search box.

Buenos Aires, il fascino del tango argentino

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Buenos Aires

Quando si pensa all’Argentina, una delle cose che viene in mente per prima è sicuramente il tango, questa danza sensuale e passionale che è nata proprio qui. A Buenos Aires, fra le tante cose che si possono apprezzare, c’è sicuramente quella di ammirare uno spettacolo di tango argentino in uno dei tanti locali che li organizzano, oppure di prenderne parte nei posti che vengono chiamati “milongas”. Quindi quando organizzate un viaggio in Argentina è d’obbligo organizzare una serata a base di tango!

Una frase molto significativa

Una frase molto significativa che riassume in poche parole quella che è l’essenza del tango è questa di Enrique Santos Discépolo, un musicista, compositore e regista argentino, che dice “Il tango è un pensiero triste che si balla”.

In effetti il tango argentino è un ballo nostalgico ma nello stesso tempo passionale ed energico che si diffuse nel sud di Buenos Aires, inizialmente solo fra gli uomini che, in questo modo, raccontavano del loro malessere, legato magari alla povertà, alla sofferenza o al desiderio non corrisposto per una donna.

La musica del tango argentino inizialmente era un mix fra musica popolare argentina e quella europea, prettamente improvvisata o rubata da altri generi. Quanto al ballo, invece, si ipotizza che i movimenti fossero simili a quelli eseguiti dai neri durante il candombe, una tipica danza africana.

Oggi è una danza molto elegante e rigorosa

Oggi è una danza molto elegante e rigorosa, ma è probabile che il tango argentino sia nato nei bordelli dove i clienti delle prostitute amavano intrattenersi con loro a ballare (e questo rinviene anche nei primi testi delle canzoni che parlavano spesso di sesso).

Man mano però il tango argentino iniziò a diffondersi anche in luoghi diversi dai bordelli come i cafè, le casas de baile (locali per feste), le fiestas de carnaval (feste popolari) oppure i teatri e i varietés, fino a diventare il celebre ballo che conosciamo oggi e che ci lascia ipnotizzati ogni volta che lo vediamo eseguire.
[smiling_video id=”214282″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?