Viaggi e animali domestici, come gestirli al meglio 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Viaggi

Chi ha un animale domestico, sa che quando andrà in viaggio dovrà fare una scelta: portarlo con sé oppure affidarlo a qualcuno che se ne occupi durante la propria assenza.

In linea di massima, gli animali che più di frequente sono in viaggio con i propri padroni sono i cani. Questo perché sono animali che si affezionano ai loro padroni e difficilmente riescono a stare con qualcun altro.

I gatti e gli altri animali di piccola taglia

I gatti e gli altri animali di piccola taglia (conigli, criceti, cavie), invece, possono essere lasciati a persone di fiducia (vicini, parenti, amici). Meglio ancora se rimangono a casa propria, in un ambiente conosciuto, e qualcuno badi a loro periodicamente durante il periodo del viaggio.

Quanto ai cani, invece, se si decide di andare in vacanza con loro, bisognerà ricordarsi di organizzare tutto per consentire loro un viaggio confortevole. Quelli di piccola taglia possono viaggiare nel trasportino che si può appoggiare sui sedili posteriori.

Quelli di taglia media e grande, invece, si possono tenere nella parte posteriore dell’auto, separati dal guidatore da una rete omologata.

Bisogna poi portare con sé, oltre a tutto l’occorrente (cibo, acqua per il viaggio, eventuali medicinali, guinzaglio, pettorine, giocattoli), anche il libretto sanitario dell’animale.

Per gli spostamenti all’interno dei Paesi dell’Unione Europea sono necessari anche:

  • passaporto UE per animali d’affezione in corso di validità, rilasciato dal veterinario, che riporta i dati anagrafici dell’animale e l’elenco di tutte le vaccinazioni effettuate
  • vaccinazione antirabbica (da effettuare almeno 21 giorni prima della partenza)
  • microchip

Durante le soste, anche brevi, è importante non lasciare mai l’animale da solo nell’abitacolo dell’auto ma farlo scendere per fare i propri bisogni, per abbeverarsi e per mettere qualche passo.

L’alloggio che si sceglie (b&b, albergo, casa vacanza) dovrà essere pet friendly, cioè accettare gli animali, ma anche essere attrezzato con ampi spazi aperti in cui il cane può trovarsi a suo agio.

La stessa scelta pet friendly deve essere fatta anche per i ristoranti e gli altri servizi di cui si intende usufruire (che devono accettare gli animali).
[smiling_video id=”196876″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.