Cerca
Close this search box.

Rimborso biglietto Trenitalia, ecco come e quando ottenerlo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
rimborso biglietto trenitalia

I pendolari e i viaggiatori su rotaia spesso hanno a che fare con guasti, scioperi o cancellazioni dei treni sui quali viaggiano. Ma quando si può chiedere il rimborso? Sicuramente il rimborso biglietto Trenitalia può essere richiesto in caso di ritardo, a causa dell’aria condizionata guasta o in caso di sciopero.
Ovviamente durante la stagione invernale i motivi per richiedere il rimborso biglietto Trenitalia si moltiplicano.
Vediamo nel dettaglio cosa può essere richiesto e quando.

Richiesta di indennizzo

Se un treno Frecciarossa, Frecciargento o Frecciabianca arriva con un ritardo compreso tra i 30 e i 59 minuti rispetto all’orario indicato sul biglietto, il passeggero può richiedere un’indennità.
Sul sito Trenitalia si legge che questa indennità è pari al 25% del prezzo del biglietto e potrà essere utilizzata entro 12 mesi per acquistare un nuovo biglietto.
Se, invece, il ritardo è compreso tra i 60 e i 119 minuti, si può richiedere il pagamento in contanti dell’indennità o l’accredito su carta di credito.

Quando sale l’indennità

L’indennità sale al 50% se il ritardo supera i 120 minuti, anche in questo caso l’indennizzo può essere richiesto in contanti o con accredito su carta di credito.
Gli indennizzi possono essere richiesti dopo 24 ore dal viaggio e per i successivi 12 mesi. La modalità di richiesta varia a seconda del treno su cui si è viaggiato, frecce o regionali.
L’indennità può essere richiesta anche se l’aria condizionata è fuori uso, in questo caso però dovrà essere il personale di bordo ad annotare il malfunzionamento.

Richiesta di rimborso integrale

Ci sono dei casi previsti da Trenitalia in cui si può richiedere il rimborso integrale del biglietto. Ecco in quali casi è possibile farlo:

  • nel caso in cui la partenza del treno è ritardata di almeno un’ora;
  • se non si può iniziare il viaggio per ordine dell’autorità pubblica;
  • nel caso in cui la stessa Trenitalia prevede che il ritardo dell’arrivo nella destinazione finale sia superiore a 60 minuti rispetto all’orario previsto e l’utente non intende iniziare il viaggio utilizzando mezzi alternativi o non intende proseguirlo e chiede di tornare al punto di partenza o ad altra località intermedia

Ma non solo

  • se il treno (oppure uno dei servizi acquistati come la carrozza cuccetta o il servizio auto/moto al seguito) viene soppresso
  • quando il posto prenotato non è disponibile o quando la classe o il servizio utilizzati sono, per esigenze di servizio non prevedibili, inferiori a quelli cui fa riferimento il biglietto
  • nel caso di assegnazione di posto cuccetta, VL o Excelsior diverso da quello indicato sul biglietto
  • nel caso in cui c’è un ritardo nella consegna del biglietto acquistato sul sito o tramite il call center

Se il biglietto per il quale si richiede il rimborso totale è quello di andata, sarà rimborsato automaticamente anche quello di ritorno se sono stati acquistati insieme.
La richiesta di rimborso biglietto Trenitalia integrale va inoltrata presso la biglietteria della stazione al momento stesso in cui non si è potuti partire.

Richiesta di rimborso parziale

Quando un viaggio viene interrotto per ordine dell’autorità pubblica, o per un’interruzione della linea o dalla soppressione del treno o ancora da una mancata coincidenza che comporta l’arrivo nella destinazione finale con un ritardo inferiore a un’ora, si può chiedere un rimborso parziale del biglietto. Tale rimborso va chiesto alla biglietteria della stazione oppure se il biglietto è stato acquistato on line o tramite call center, il rimborso può essere chiesto direttamente sul sito compilando il modulo apposito.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *