Cerca
Close this search box.

Brasile, i documenti che occorrono   

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Brasile

Il Brasile è uno stato che attira migliaia di turisti ogni anno provenienti da tutto il mondo, anche dall’Italia. Quando si organizza un viaggio per il Brasile, oltre ai vari aspetti da considerare (volo, alloggio, valigia), non bisogna dimenticare i documenti da portare che sono essenziali per l’ingresso nel paese.

Nel caso specifico dei cittadini italiani, questi devono essere necessariamente in possesso di:

  • passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e almeno due pagine libere al momento dell’ingresso nel Paese
  • visto di ingresso: per una permanenza inferiore ai 90 giorni non è richiesto il visto turistico, è sufficiente essere in possesso di un biglietto aereo di andata e ritorno. All’arrivo in Brasile verrà consegnata la “Cartão de Entrada e Saída”, da conservare e restituire al momento dell’uscita dal Paese.

Altri aspetti da considerare

Altri aspetti da considerare sono quelli relativi alle vaccinazioni: sebbene non ce ne siano di obbligatorie, le autorità sanitarie nazionali brasiliane raccomandano di effettuare la vaccinazione contro la febbre gialla.

In Brasile il rischio di contrarre la malaria si concentra nell’area amazzonica, per cui è consigliabile sottoporsi a profilassi se ci si reca qui.

La regione Nord-Est del Brasile, in particolare lo Stato del Pernambuco, è interessata dall’infezione dello “zika virus”, malattia virale trasmessa dallo “aedes aegypti”, responsabile anche della “dengue” e della “Chikungunya”.

Per questo motivo il Ministero della Salute brasiliano ha emesso da qualche anno uno stato di allerta (che riguarda in particolare le donne in gravidanza o in età fertile), in quella regione, poiché si sono verificati migliaia di casi della malattia e la nascita di molti bambini portatori di “microcefalia”.

Anche in altri Stati federali sono stati identificati dei casi sospetti di microcefalia: quindi interessarsi prima di recarsi in qualsiasi posto del Brasile per capire cosa fare.

Infine, la vaccinazione antitetanica, che ha validità 10 anni, è sempre consigliata.
[smiling_video id=”192262″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?