Cerca
Close this search box.

Perugia, cosa mangiare di tipico

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Perugia

Il capoluogo dell’Umbria, Perugia, nasconde tanti tesori dell’arte e della storia da scoprire ma anche una cucina tipica, gustosa e saporita. Fra i primi più gustosi della cucina perugina ci sono gli gnocchi al sugo d’oca: in questo piatto gli gnocchi di patate vengono accompagnati da un sugo di pomodoro con pezzi di carne di oca giovane e pecorino semi- stagionato.

La pasta fatta in casa

Un’altra pasta fatta in casa molto famosa sono gli umbricelli, simili a degli spaghetti ma più grossi. Questo tipo di pasta viene gustata con un sugo di pomodoro, pancetta e pecorino grattugiato nel tipico piatto chiamato “Umbricelli al Rancetto”.

Ancora, gli stringozzi, un tipo di pasta fatta a mano e di forma irregolare, preparata con farina di grano tenero, acqua e sale e cotta in abbondante acqua salata.

Gli stringozzi vengono poi conditi con burro fuso e tartufo nero di Norcia.

Come secondi piatti tipici di Perugia ci sono i palombacci, vale a dire i piccioni selvatici cucinati tradizionalmente in dei recipienti di terracotta; vengono farciti con un ripieno di uova e salsiccia e poi avvolti in fette di prosciutto.

Fra i contorni, invece, ci sono i gobbi alla perugina, cioè i cardi marinati in olio, limone e prezzemolo e stratificati in una teglia da forno alternandoli a sugo di carne e parmigiano.

Ancora, l’impastoiata, un piatto risalente al Medioevo, fatto con polenta di mais, servita con fagioli bolliti e salsa di pomodoro.

Non possono poi mancare i dolci della tradizione perugina come il Brustegnolo, fatto con farina di mais lavorata con olio di oliva e acqua e arricchita con mele, frutta secca e liquore.

Ancora, la Ciarmicola, un dolce pasquale a forma di ciambella rossa (per via del liquore Alchermes), su cui viene versata una meringa bianca, adornata con confetti colorati.

Infine, il dolce più famoso di Perugia è certamente il cioccolato: in città molte sono le pasticcerie e le aziende che lavorano il cioccolato, al latte, fondente, alle nocciole e così via.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?