Arezzo, che cos’è la giostra del Saracino

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Arezzo

Come Siena ha il Palio, anche Arezzo ha la sua “corsa di cavalli”, la cosiddetta Giostra del Saracino, una manifestazione che si tiene il penultimo sabato di giugno in edizione notturna (Giostra di San Donato) e la prima domenica di settembre in edizione diurna (Giostra della Madonna del Conforto) in Piazza Vasari (Piazza Grande).

Si tratta di una rievocazione storica che attira tutti gli anni tantissime persone  e che è molto sentita da tutti gli aretini che partecipano, di anno in anno, alla sua organizzazione. Vi consigliamo di passare qualche giorno nella Valdichiana per scoprire paesaggi meravigliosi e prodotti locali di altissima qualità.

Come si svolge la Giostra del Saracino?

Alla manifestazione partecipano i 4 quartieri cittadini di Arezzo, vale a dire Porta Crucifera (colori rosso e verde), Porta del Foro (colori giallo e cremisi), Porta Sant’Andrea (colori bianco e verde) e Porta Santo Spirito (colori giallo e azzurro).

Ognuno di questi quartieri schiera 8 cavalieri ma soltanto due per ogni quartiere prenderanno parte alla giostra.

Infatti, nella domenica che precede l’evento, nella Piazza del Comune avviene la cerimonia solenne di sorteggio dei due cavalieri che parteciperanno alla gara per ogni quartiere.

Il giorno della Giostra del Saracino, dopo l’esibizione degli sbandieratori e la lettura della sfida a Buratto Re delle Indie, ha inizio la gara.

Il Buratto è un manichino con l’armatura che sorregge uno scudo diviso in 4 settori, corrispondenti a dei punti.

I due cavalieri per ogni quartiere cittadino corrono la carriera contro il manichino del Saracino e, colpendo con una lancia di legno il suo scudo, cercano di ottenere il miglior punteggio.

Ogni cavaliere ha a propria disposizione due turni lungo la lizza (il sentiero di giostra) che corre obliqua lungo Piazza Grande.

Vince la Giostra del Saracino il quartiere i cui cavalieri ottengono il maggior numero di punti.

Il premio è la Lancia d’Oro, un oggetto d’arte che, per ogni edizione, racconta di fatti o personaggi importanti per la città di Arezzo, raffigurati sulla sua impugnatura.
[smiling_video id=”296836″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.