Cerca
Close this search box.

Parma, cosa mangiare

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Parma

Parma è una città di cultura, musica, arte e buona cucina. Oltre al Prosciutto crudo e al Parmigiano, conosciuti in tutto il mondo e veri vanti per l’Italia, sono diverse le cose da mangiare nella bella città emiliana. Tre giorni a Parma vi permetterà di visitare la città ma soprattutto di assaporare le grandi eccellenze dei prodotti italiani.

Si parte dallo gnocco fritto

Si parte dallo gnocco fritto (o torta fritta), generalmente servito come antipasto. È fatto con farina, olio, strutto, sale e acqua; viene fritto e servito con diversi salumi.

Fra i primi piatti, non si può dimenticare la pasta fresca e a Parma ce ne sono diversi tipi. Ci sono ad esempio gli anolini, una pasta all’uovo ripiena di stracotto di manzo, Parmigiano reggiano, pane raffermo grattato, tuorlo d’uovo e spezie.

La versione più famosa è in brodo. Si passa poi ai tagliolini, un altro tipo di pasta all’uovo, servita con il culatello che viene fatto rosolare in burro e salvia.

Poi ci sono i tortelli come i famosi Tortel Dols di Colorno, vale a dire tortelli con ripieno di vino cotto e mostarda, oppure i tortelli di zucca e amaretti, serviti con un sugo di burro e salvia o di pomodoro.

Per quanto riguarda i secondi piatti, a Parma è famosa la carne di cavallo che viene viene tritata e servita cruda (pesto di cavallo) oppure cotta e servita con verdure.

Ancora la trippa alla parmigiana, dove la trippa viene soffritta con cipolle e passata di pomodoro e con brodo di carne.

Il piatto viene servito con Parmigiano reggiano e fette di pane abbrustolite.

Fra i dolci

Infine, fra i dolci si ricorda la Sbrisolata (o torta delle tre tazze), fatta con farina bianca e gialla e zucchero, mandorle e accompagnata con la grappa.

Ancora il Castagnaccio, fatto con farina di castagne, e la Spongata, fatta con noci, miele, uvetta, pinoli e canditi. Per ultimo, ci sono le scarpette di Sant’Ilario, dei biscotti a forma di scarpa fatti di pasta frolla, decorati con glassa e granella di zucchero.

Vengono preparati in onore di Sant’Ilario, patrono della città, che ricorre il 13 gennaio.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?