Urbex exploration, il fascino di esplorare luoghi abbandonati

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Urbex exploration

L’urbex exploration è l’esplorazione urbana di luoghi abbandonati. Spesso ci si infiltra in questi posti poco accessibili e dimenticati che però sono tante volte miniere di patrimoni artistici e culturali davvero da non sottovalutare.

Molti urbexer la praticano anche se è un’attività al limite

Molti urbexer la praticano anche se è un’attività al limite fra la legalità e la curiosità dato che spesso questi luoghi sono contrassegnati dal cartello “Vietato l’ingresso”. L’Italia è colma di queste ricchezze: chiese, conventi, borghi fantasma, terme, aree militari, negozi, discoteche, teatri, hotel e così via.

Gli urbexer trovano le mete grazie a Google Maps, ispezionando “dall’alto” i posti in cui recarsi oppure guardano gli annunci immobiliari o scelgono a caso un paese e, parlando con la gente del posto, trovano ispirazione.

Pioniere dell’Urbex è stato il francese Philibert Aspairt che, nel 1793, fu il primo a esplorare le Catacombe di Parigi. Da qui, tante altre persone vengono ogni anno attratte dalle rovine e questa sta diventando una vera e propria tendenza.

Ci sono dei rischi nel praticare l’urbex exploration:

  • possibili crolli
  • eventuali agenti tossici presenti nelle aree industriali dismesse
  • rischio batteriologico
  • pericoli fisici
  • infrazione della legge e quindi possibilità di avere delle sanzioni pecuniarie e penali

Per questo, chi pratica l’urbex exploration le prime volte dovrebbe iniziare esplorando i luoghi accessibili e più conosciuti della propria città, mai da solo ma nemmeno con un gruppo vasto di persone.

Poi, man mano che si prenderà coraggio, ci si potrà spostare e si potranno visitare i posti più inconsueti anche trovando compagni d’avventura grazie a Facebook, Telegram o Whatsapp.

Le finalità dell’urbex exploration, però, sono quasi sempre nobili: diffondere il bello, ad esempio fotografandolo e facendo conoscere dei posti che sono spesso visti in malomodo perché fatiscenti, sporchi, abbandonati.

Grazie a questo genere fotografico, infatti, dei luoghi abbandonati possono tornare nuovamente in vita.

In questo modo, infatti, si vuole proprio dare valore a tante ricchezze sottovalutate che vanno solo scoperte, messe in sicurezza e aperte al pubblico.
[smiling_video id=”203012″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?