Cerca
Close this search box.

Le tradizioni natalizie statunitensi: al Christmas pudding all’albero del Rockfeller Center

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
vacanze di natale a new york

Abeti addobbati, canzoni di Natale che hanno per protagonista la renna Rudolph, eggnog servito davanti a un caminetto acceso decorato con calze rosse e ghirlande: l’iconografia del 25 dicembre made in U.S.A. ormai ci appartiene. Il merito è da imputare senz’altro ai grandi classici cinematografici, ambientati nelle suggestive giornate che precedono la natività e riproposti ogni anno su molte reti televisive. Ma siamo sicuri di conoscere davvero tutte le tradizioni natalizie statunitensi?

Le tradizioni natalizie statunitensi

In virtù delle sue origini multiculturali, l’America vanta numerose tradizioni e modi di vivere le giornate dicembrine. Nonostante ciò, alcuni elementi sono comuni a tutti gli abitanti e a ogni latitudine. Il Natale negli U.S.A., infatti, può svolgersi tanto tra fiocchi di neve che sotto un sole dalle temperature decisamente più che primaverili o, addirittura, in spiaggia, a seconda dello Stato in cui lo si festeggia.

Il pranzo di Natale

Il pranzo del 25 dicembre vede come protagonista assoluto il tacchino ripieno, spesso accompagnato da un contorno composto da purè, fagiolini e dall’immancabile salsa di mirtilli. Il corrispettivo del nostro zabaione con l’aggiunta di un tocco di brandy è l’eggnog. A rendere più dolce la fine del pasto c’è il tradizionale Christmas pudding. Tutti piatti che caratterizzano le tradizioni natalizie statunitensi.

Un altro dessert tipico è la mince pie, una piccola torta di pasta frolla ripiena di frutta secca che viene preparata per Babbo Natale. Accanto a questi piatti tradizionali gli americani, in base alle loro radici culturali, inseriscono alcuni elementi riconducibili ai luoghi di origine, come ad esempio le lasagne.

Passare il Natale negli U.S.A.

Passare la settimana tra Natale e Capodanno negli Stati Uniti è il sogno di molti. Visitare New York quando è avvolta dalla neve e illuminata dalle decorazioni è senz’altro un’esperienza da fare almeno una volta nella vita.

Prima di organizzare un viaggio per la Grande Mela è però opportuno informarsi molto bene su tutti i documenti necessari per poter accedere nel Paese anche solo come turista. Oltre a munirsi di un passaporto valido occorrerà infatti richiedere il visto Esta.

La procedura può essere effettuata anche online ed è molto rapida e veloce, ma per non correre il rischio di rimanere a terra a causa di un esito negativo della domanda, è bene inoltrarla diversi giorni prima della partenza.

Uno sguardo alle luminarie

Se la richiesta del visto sarà andata a buon fine potrà capitarvi di passeggiare per le strade illuminate di New York a ridosso della Vigilia. Gli americani amano moltissimo non solo decorare con addobbi natalizi l’interno delle loro abitazioni, ma anche l’esterno.

Tetti, finestre, giardini e muri in questo periodo dell’anno sono abbelliti da luci colorate, pupazzi di neve, slitte e animali gonfiabili. Un luogo da visitare assolutamente se si è nella Grande Melaa dicembre è il Rockfeller Center, dove sarà possibile ammirare il famoso albero e cogliere l’occasione per pattinare sul ghiaccio sotto le sue luci.

Gli americani iniziano ad acquistarel’abete da decorare a fine novembre, dopo il Ringraziamento. È questa festività a dare il via al Natale negli Stati Uniti.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?