Cerca
Close this search box.

Tre giorni nella Val D’Orcia 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Tre giorni

Chi dice Toscana non dice solo Firenze ma anche una parte della regione di memorabile bellezza, la Val D’Orcia.

Paesaggi mozzafiato immersi tra vigneti e ulivi

Paesaggi mozzafiato immersi tra vigneti e ulivi, tesori nascosti, relax, buon cibo e soprattutto vino. Tre giorni possono essere sufficienti per assaporare tutto questo e molto altro.

Il tour nella meravigliosa Val D’Orcia può partire da Montepulciano, la città famosa per il suo vino e la sua bellezza senza tempo.

Un altro borgo molto bello da visitare è Pienza, dove le botteghe raccontano di tempi lontani di cui si possono ancora percepire la bellezza e le tradizioni.

Da provare qui il famoso formaggio pecorino (ottimo souvenir anche da portare a casa).

Infine Monticchiello, un altro borgo medioevale che, se visitato di pomeriggio, permette di ammirare un meraviglioso tramonto su tutta la Val D’Orcia.

Il secondo giorno in Val D’Orcia può partire alla volta di Bagno Vignoni e delle sue rigeneranti e rinomate acque termali.

Qui sorge uno stabilimento termale ma ci si può soffermare anche presso Piazza delle Sorgenti dove si trova una grande vasca di pietra che raccoglie le acque della sorgente termale.

Continuando poi l’esperienza rilassante, ci si può muovere verso le piscine naturali di Bagni San Filippo, immerse nel verde del bosco, per una giornata davvero indimenticabile in un paesaggio da fiaba.

La serata può terminare a Montalcino, sorseggiando un calice di buon vino Brunello.

Il terzo giorno, dopo un’intera giornata all’insegna del benessere, può essere dedicato ad attività più avventurose ed escursioni.

Si possono provare degli itinerari in auto oppure in bici

Si possono provare degli itinerari in auto oppure in bici come quelli per le colline nella strada che unisce Pienza e San Quirico.

Molto carina è anche l’esperienza in vespa o lambretta che permette di ammirare i favolosi scenari della Val D’Orcia e soffermarsi, eventualmente, presso la Quercia delle Checche, un albero di più di 400 anni.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?