Cerca
Close this search box.

Volterra e il manicomio abbandonato, è visitabile? 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Volterra

Il manicomio abbandonato di Volterra è un punto di interesse visitabile, previa prenotazione, fino ad esaurimento posti, per un numero massimo di 25 persone. Se avete deciso di passare tre giorni a Volterra, questa è una visita che non potete assolutamente perdere.

Le informazioni sul sito ufficiale del manicomio di Volterra

Basterà compilare il modulo presente sul sito ufficiale, almeno 24 ore prima della visita. L’orario della visita è alle 10 ma bisogna presentarsi 15 minuti prima presso il punto di ritrovo (bar-pizzeria Volterra 3.0).

C’è anche un parcheggio gratuito nei pressi del cimitero per chi volesse raggiungerlo in auto.

È consigliabile indossare scarpe e abbigliamento comodi perché bisognerà passeggiare fra il museo del villaggio-Ospedale Psichiatrico e la zona all’aperto, nel parco di Poggio alle Croci, dove sono collocati alcuni degli edifici del complesso del Manicomio.

L’Ospedale psichiatrico di Volterra ebbe origine nel 1888 nella costituzione di una sezione per “dementi” all’interno del ricovero di mendicità dell’ex convento di San Girolamo.

Negli anni Cinquanta e Sessanta

Negli anni Cinquanta e Sessanta si sviluppò ancora di più, divenendo uno dei manicomi più grandi d’Italia con oltre 100 mila metri cubi di volume. Negli anni ’70, la struttura era composta da tre edifici principali in cui erano ricoverate anche 6000 persone contemporaneamente.

I manicomi erano veri e propri luoghi di contenimento fisico in cui si praticavano terapie farmacologiche molto invasive, e spesso avvenivano anche dei maltrattamenti.

L’Ospedale, dopo la sua chiusura, è diventato famoso per i graffiti di Nannetti Oreste Fernando: 180 metri di muro esterno in cui NOF4, la sua firma come “artista”, ha inciso durante gli anni della degenza i suoi sentimenti, stati d’animo e crimini subiti (da qui, il cantautore Simone Cristicchi, ha preso ispirazione per la sua canzone “Ti regalerò una rosa”).

Nel 1978, è avvenuta la chiusura di tutte queste strutture disumane per chiunque fosse qui ricoverato, grazie alle tante battaglie di Franco Basaglia, psichiatra e neurologo italiano.

Se volete fare una visita diversa dal solito e anche un po’ inquietante allora visitate il manicomio di Volterra.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?