Occitania, un viaggio alla scoperta del medioevo   

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Occitania

Chiunque ami la storia, e in particolare quella medievale, con i borghi, i villaggi, i castelli e l’arte di quel tempo, non può non visitare l’Occitania, una regione della Francia che si trova fra il Mediterraneo e i Pirenei.

Qui sarà possibile fare un indimenticabile viaggio alla scoperta del medioevo.

È proprio qui che nacque la lingua d’oc (anche detta Occitano), la lingua romanza o neolatina, cioè derivata dal latino, che si sviluppò alla fine dell’impero romano contemporaneamente a portoghese, spagnolo, catalano, francese, italiano, franco-provenzale, sardo, ladino, rumeno e dalmatico.

Vediamo allora cosa non perdere in Occitania

Sicuramente le città di Carcassone, la cittadella fortificata meglio conservata d’Europa, in cui poter ammirare il complesso della doppia cinta muraria concentrica, 52 torri e 4 porte di accesso, e di Tolosa, la capitale della regione, dove poter ammirare il Campidoglio, la basilica di Saint-Sernin, il Convento dei Giacobini o l’Hotel Assézat.

Poi ancora la città sacra di Rocamadour, sopra le gole dell’Alzou. Qui si trovano 8 chiese tra cui la cappella di Notre-Dame e la sua statua della Madonna Nera.

Allo stesso modo un altro luogo di pellegrinaggio molto famoso e visitato ogni anno da migliaia di fedeli: Lourdes, dove avvennero delle apparizioni della Beata Vergine Maria.

Poi ancora Cordes-sur-Ciel, una delle più antiche bastide medievali dell’Occitania.

Da qui si potrà godere di un panorama incantevole sulla valle sottostante, quella del Cérou, e ammirare le facciate scolpite delle case del Grand Fauconnier, del Grand Écuyer e del Grand Veneur, di stile gotico.

Ogni anno in città si tengono delle bellissime Feste Medievali. Vicini anche gli altri villaggi medievali di Puycelsi e Castelnau-de-Montmirail.

Ancora le città di Moissac, Lauzerte e Auvillar sono siti essenziali in Occitania, tappe del sentiero che porta a Compostela. Soprattutto ad Auvillar sarà possibile ammirare delle antiche case medievali e il mercato del grano rotondo.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?