Cosa visitare a Monte Sant’Angelo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Cosa

Monte Sant’Angelo è un paese in provincia di Foggia, in Puglia, noto per essere il paese dei due siti UNESCO. Se decidiamo di fare un viaggio in Puglia, questo è uno dei luoghi che devono essere assolutamente visitati per la sua bellezza.

Ma cosa visitare?

Infatti, questo piccolo paesino di montagna, che si trova a 843 metri sul livello del mare, ospita il famoso Santuario di San Michele Arcangelo, meta ogni anno di milioni di devoti e turisti. Per accedere alla grotta si deve scendere una lunga scalinata non prima di aver passato le porte di ingresso di bronzo che furono fuse a Costantinopoli nel 1076 per conto di Pantaleone di Amalfi.

Proprio il Santuario è stato nominato Patrimonio dell’UNESCO il 25 giugno 2011.

A poca distanza dalla Basilica, si trova il Castello di Monte Sant’Angelo, un castello normanno – svevo che venne fatto costruire all’epoca di Roberto il Guiscardo e poi successivamente dagli Svevi. Si potrà anche passeggiare fra le stradine del paese ed imbattersi nel tipico quartiere Medievale chiamato Rione Junno, caratteristico per le sue case a schiera.

A 8 km dal paesino, si trova l’Abbazia di Santa Maria di Pulsano (che è raggiungibile anche passeggiando a piedi), un posto edificato nel 591. Qui, a parte l’Abbazia, sono presenti gli Eremi di Pulsano, delle celle posizionate anche su luoghi impervi (raggiungibili, in tempi antichi, con scale o con corde) in cui gli eremiti passavano il loro tempo: i più avventurosi e abili potranno anche cimentarsi nei percorsi per poterli raggiungere.

L’altro Patrimonio UNESCO del paese, sono le faggete vetuste della Foresta Umbra, località che si trova all’interno del Parco Nazionale del Gargano: qui si potranno trascorrere piacevoli ore all’insegna del verde, esplorando la flora e la fauna del territorio.

Da non tralasciare anche l’esperienza culinaria, acquistando i prodotti tipici del posto come le ostie ripiene (dolci composti da ostie ripiene di mandorle e miele), il poperato (tarallo dolce fatto con zucchero, miele, vin cotto e cannella), i calzoncelli (dolci ripieni di farina di castagne, cacao, cannella e cioccolato) e i taralli.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?