Cerca
Close this search box.

Viaggi, cosa si sa sul passaporto vaccinale

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Viaggi

Il 17 marzo la Commissione Europea ha presentato la proposta legislativa di creare il Digital Green Certificate (Certificato digitale verde), più conosciuto come passaporto vaccinale che dovrebbe facilitare la libera circolazione in sicurezza all’interno dell’Unione Europea in questi mesi di pandemia, soprattutto in vista dell’estate.

Dovrebbe essere disponibile da giugno

Dovrebbe essere disponibile da giugno (in versione cartacea e digitale) e sarà legalmente vincolante per gli Stati membri. Il certificato sarà gratuito e disponibile nella lingua o nelle lingue ufficiali dello Stato membro di rilascio e in inglese.

Tutte le persone, vaccinate e non vaccinate, dovrebbero beneficiare di un certificato verde digitale quando viaggiano nella Ue.

Per ottenere il passaporto, ci sono determinate condizioni:

  • essere vaccinati (con uno qualsiasi dei vaccini approvati e utilizzati sul territorio Ue)
  • che si sia negativi a un tampone (test NAAT/RT-PCR o test rapido antigenico)
  • che si sia guariti dal Covid (si potrà dimostrarlo attraverso un test sierologico).

Nel passaporto saranno inserite una serie di informazioni come nome, data di nascita, data di rilascio, informazioni rilevanti su vaccino/test/recupero e un identificatore univoco del certificato (tutti dati che potranno essere confermati per verificarne l’autenticità e la validità dei certificati).

La Commissione ha anche garantito “il pieno rispetto della protezione dei dati personali” e che “nessun dato personale dei titolari dei certificati passa attraverso il sistema di verifica, né è conservato dallo Stato membro che effettua la verifica”.

Sarà valido in tutti gli Stati membri

Sarà valido in tutti gli Stati membri e aperto a Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Potranno avere il passaporto i cittadini UE e i loro familiari a prescindere dalla nazionalità, i cittadini di Paesi terzi che risiedono nella Ue e i visitatori che hanno il diritto di recarsi in altri Stati membri.

Comunque il passaporto vaccinale è una soluzione temporanea che verrà sospesa non appena l’OMS dichiarerà la fine dell’emergenza sanitaria internazionale.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Dove vuoi andare?